Chiedere scusa

sdz-03-upLi ricordate i tifosi del Feyenord? Quelli che prendendo come pretesto una partita in coppa contro la Roma sono andati in giro come bestie per la città cercando risse, pisciando sui muri e (ciliegina sulla torta) rovinando a bottigliate la fontana di Piazza di Spagna?
In Olanda sta per chiudersi il processo. E allora, dal giornale radio, vengo a sapere che ci sono state delle conseguenze ancora prima della sentenza. Uno di loro era un poliziotto che, una volta conosciuti i fatti, è stato immediatamente licenziato.
Stupisce, in una vicenda così brutta, sentire che gli olandesi dicono di essersi vergognati per i loro connazionali. Sono convinto che al loro posto, noi italiani, avremmo più comodamente detto “Sono ultras” invece di sono italiani. Avremmo detto “Certo: i tifosi di quella o quell’altra città sono sempre stati bestie”. Prendendo le distanze dalla loro categoria e dalle loro colpe. Invece gli olandesi dicono, alla stampa italiana, che si sono vergognati.
Ma non basta: il poliziotto licenziato, ai microfoni chiede scusa e dice “Lasdz-seeds02nciando quella bottiglia ho gettato anche il mio lavoro”. Non recrimina, non cerca attenuanti o scusanti sociali. Non incolpa il branco o il sistema. Non chiede il reintegro nel posto di lavoro ma chiede scusa ai colleghi per avere indirettamente infangato l’onore della categoria. Io non so come andrà il processo, ma penso che dobbiamo riflettere su questo modo maturo di affrontare i propri errori.sdz-03-dn

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *