Vaccino contro la stupidità

sdz-03-upCon il progresso medico e culturale, la mia generazione finalmente è la prima a essere stata completamente vaccinata. Almeno in Italia. Prima i vaccini più urgenti: vaiolo, tetano, poliomielite, difterite. Poi piano piano gli altri. Quando le mamme ci spiegavano cosa fossero eravamo fieri di affrontare quella prova di coraggio e di poterci aspettare una vita adulta più sana.
Poi sui giornali sono arrivati i tempi felici in cui alcune malattie sono state dichiarate “debellate”. Una vittoria per l’umanità. Assistiamo oggi a un processo inverso: la chiacchiera complottista e pseudoscientifica passa di bocca in bocca, sostiene che le vaccinazioni sono inutili e pericolose. E tanti genitori (inetti come tutti i genitori) finiscono per volerci credere e non vaccinano i figli. L’OMS e l’Istituto Superiore di Sanità lanciano l’allarme: in Italia siamo sotto alla soglia del 95% per le sdz-seeds02vaccinazioni per poliomielite, tetano, difterite ed epatite B. E la percentuale è addirittura dell’86% per quelle contro il morbillo, la parotite e la rosolia. La soglia non è psicologica ma statistica. Se in una classe di venti bambini, uno prende la meningite, se gli altri (95%) sono vaccinati, il contagio si argina. Se invece altri quattro bambini (25% totale) non è protetto, il morbo circola e si diffonde.
Dove abbiamo sbagliato? Quand’è che abbiamo barattato il progresso scientifico e la salute dei nostri figli con le più becere paure infondate e strillate?
sdz-03-dn

Share Button

One thought on “Vaccino contro la stupidità

  1. Ciao, sono assolutamente d’accordo con te. I dati al momento sono piuttosto allarmanti e la stragrande maggioranza delle sottocominutà scientifiche e dei gruppi no profit (soprattutto statunitensi) si stanno battendo a voce alta per tornare a diffondere una corretta informazione e soprattutto adeguate abitudini sanitarie per quanto riguarda le vaccinazioni – perlomeno quelle basilari!
    Buona serata.

    D.L. Salviati

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *